Nata a San Salvatore di Fitalia l’8 luglio del 1947, da Calogero e Iolanda Rizzo, trascorre la sua infanzia nel sereno ambiente familiare, arricchito dalla passione paterna per la musica, ed in un contesto paesano, pregno ancora di tradizioni e cultura contadina.

Svolge i suoi primi studi tra i Collegi salesiani di Sant’Agata e di Alì Terme per proseguire poi all’Università di Messina, dove consegue la laurea in Pedagogia nel ’69. Si specializza in Lettere, Storia e Filosofia, si interessa di critica letteraria, di studi sul cinema e approfondisce i suoi interessi, vivi fin dall’adolescenza, verso la poesia e le tradizioni popolari.

Insegna per tre anni in varie scuole di Bergamo, poi, tornata in Sicilia, continua ad esercitare la sua professione nella Scuola Media di Gioiosa Marea fino al 2002, quando decide di lasciare per dedicarsi maggiormente ai suoi interessi ed alla famiglia, composta dal marito Diego Scaffidi e dai figli Valentina e Nino.

Dal 2002 presiede il Centro di Cultura Siciliana “Pane e Gelsomini” impegnandosi a sostenere ed organizzare iniziative volte alla valorizzazione delle nostre tradizioni con ricaduta culturale e ricreativa sul territorio.

Nel frattempo ha dato alle stampe varie pubblicazioni, sia in lingua italiana che in dialetto:

  • Cincu ‘i spadi – Storia da Giujusa la storia della cittadina, con la tecnica dei cantastorie Pungitopo Editore 1995
  • Muddichi Favole classiche, in dialetto siciliano Armando Siciliano Editore 1997
  • Il Canto dei Marinai appunti nella memoria di un emigranteTipografia Panta 2003
  • Giujusa, terra amurusa carrellata di volti, tradizioni e paesaggi gioiosani Armenio editore 2007
  • Filastrocche del tempo perduto raccolta di filastrocche, preghiere e canti dell’area dei Nebrodi Armando Siciliano Editore
  • Pensione Ortensia piccola storia di profumi e sangue romanzo Firenze Libri Editore